Leasing abitativo tra i 100 e i 200mila euro

Home » News » Leasing abitativo tra i 100 e i 200mila euro

Leasing abitativo tra i 100 e i 200mila euro

Posted on

Leasing abitativo

Oltre il 50% dei richiedenti ha meno di 35 anni, 4 su 10 sono donne, tra i primi clienti anche stranieri under 35. Secondo le rilevazioni di Assilea – Associazione italiana leasing, nel primo bimestre 2017 sono stati stipulati contratti di leasing abitativo con un taglio medio compreso tra 100.000 e 200.000 euro, principalmente con clienti under 35, cioè la fascia che ha il massimo delle detrazioni fiscali (il 19% dei canoni di leasing, fino ad un importo massimo di 8 mila euro annui e il 19% del prezzo del riscatto, fino ad un importo massimo di 20 mila euro). Dall’indagine risulta anche che 4 richiedenti su 10 sono donne, a testimoniare l’alto valore sociale della manovra varata dal governo.

Salgono a 6 gli istituti bancari che erogano il “Prima casa”. “Il leasing abitativo richiede un passaggio culturale – dalla proprietà all’uso dell’immobile – che in Italia non è ancora facile da assimilare, nonostante che il leasing “prima casa” sia più tutelante e più vantaggioso rispetto al mutuo e all’affitto ordinario”, spiega il Direttore Generale di ASSILEA, Gianluca De Candia. “Anche se alcune filiali bancarie lo vedono come un concorrente del mutuo ed in attesa che venga estesa dal legislatore il plafond CdP prima casa anche al leasing , riteniamo che il 2017 vedrà una graduale crescita  di questo nuovo strumento”.